.
Annunci online

CastenasoForever
curato da chi ha un enorme blog-appeal!!
cinema
29 settembre 2010
Visto per voi: Sharm El Sheikh
Sharm El Sheikh - di Ugo Giordani - 2010 - commedia - 90 minuti (vinto e visto al The Space Cinema di Bologna)

Prima di iniziare a parlare del film, voglio soffermarmi sul senso di chiamare un cinema "The Space". Ammetto di non aver capito perchè da Medusa ci si è spostati a "The Space" con 'sto tipo, nel logo, che anzichè guardare lo schermo si guarda intorno nella sala, rimanendo l'unica persona in piedi!! Seconda variazione su tema... oh, era UN ANNO ESATTO che non facevo una recensione di un film!! Eppure che in un anno di film ne ho visti, ma, diciamocelo, non ho mai avuto voglia di fare le recensioni!!

Ed eccoci arrivati al dunque. Il film parte a Roma con Fabio e De Pasqualis che lavorano per una ditta che stipula assicurazioni. Uno è il responsabile di una parte di Roma, l'altro del Lazio sud. Con la vendita della società ad un magnate (un tale Saraceni - Panariello) e con la scusa della crisi, una delle due teste è da tagliare. Entrambi i lavoratori vengono a sapere che il nuovo capo è in vacanza a Sharm, quindi organizzeranno, l'uno all'insaputa dell'altro, le vacanze nella famosa località egiziana così da poter parlare e "convincere" Saraceni. Due famiglie, due modi diversi di intraprendere la vacanza: Fabio, da una parte, preferisce tener segreto a moglie e famiglia il motivo dell'improvvisa vacanza, mentre De Pascalis farà un vero e proprio gioco di squadra con la moglie. In mezzo ci sono gli scatti divertentissimi di Saraceni, il solito giro (come si può evincere dalla locandina) di belle ragazze e le oramai classiche coincidenze all'"italiana".

Voto: 6,5. Film divertente con un buon cast e, nonostante l'apparenza, nessuna "caduta" nel volgare! Come ogni tanto mi capita, mi soffermo in alcuni attori:

Panariello: 9. è il migliore. è quello che senza dubbio mi è piaciuto di più!! Freddo, tagliente e  severissimo con tutti coloro che gli stanno attorno, compresa la sua (bellissima) donna. In una parola sola: divertente!!

Laura Torrisi: 7,5: dunque se dovessimo fermarci alla sua bellezza, direi che un 9+ non glielo tira via nessuno!! Detto ciò, di certo non le hanno dato una parte molto "loquace", però quel poco che ha fatto l'ha svolto a meraviglia!! Vabbè, il voto è stato influenzato dalla bellezza! (motivo per cui mi son preso un paio di tozze dalla Marghe!!)

Enrico Brignano: 7: non mi sta particolarmente simpatico, però qui il suo lavoro l'ha fatto molto bene!

Gabriele Penteriani: 7/8: interpreta, assieme alla bravissima attrice che fa la moglie, un fortissimo lavoratore napoletano!! Un accento non troppo "pesante" che assieme a lei, li rende una coppia irresistibile e molto simpatica!

-------
perchè solo 6,5 al film nonostante il gradimento del cast? Probabilmente perchè la storia che ho visto non mi ha preso più di tanto e, il solito gioco delle coincidenze che io ho chiamato "all'italiana" mi ha un po' stancato! Il voto sufficiente, però, significa che il film si lascia guardare molto bene e che diverte!

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sharm El Sheikh Film Recensione

permalink | inviato da CastenasoForever il 29/9/2010 alle 14:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
cinema
9 ottobre 2009
Visto per Voi: Vuoti a Rendere
Vuoti a Rendere - di Jan Sverak - commedia - 103 minuti (al cinema di Cà Dei Fabbri, Bologna)

Siamo onestamente alle solite: pluri-premiato film dalla critica con ben 7 riconoscimenti segnalati nella locandina, e ulteriore delusione da parte mia. Si dice di solito che pubblico e critica non vanno d'accordo e, onestamente, sento di appartenere a quel pubblico che poco ha a spartire con i critici. Ma veniamo alla trama. Josef, professore con esperienza di letteratura in un liceo, abbandona, dopo l'ennesima incomprensione con i suoi studenti, l'insegnamento. Quest'uomo, però, non è un tipo da "pensione", non riesce a stare fermo in casa! Per raggiungere una sorta di felicità, troverà altri lavori prima come corriere espresso (in bicicletta nei sali-scendi di Praga) poi come addetto part-time alla resa delle bottiglie vuote in un piccolo supermercato locale. Parallelamente, ma piuttosto connesso, alla vita lavorativa, segue la storia complessa con la moglie Eliska e i figli.

Voto: 6+. Di certo non entusiasma e il film risulta in generale piuttosto scarso. Scorre abbastanza lentamente e la trama stessa coinvolge veramente poco lo spettatore. Durante le quasi 2 ore di film si sente continuamente che manca qualcosa, probabilmente anche qualche colpetto di scena che non guasterebbe. L'unico pezzo un po' divertente è quello della gita per i 40 anni di matrimonio del protagonista e di sua moglie.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Vuoti a Rendere Film Jan Sverak Cinema

permalink | inviato da CastenasoForever il 9/10/2009 alle 9:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
cinema
1 ottobre 2009
Visto per Voi: Il Grande Sogno
Il Grande Sogno - di Michele Placido - drammatico / storico - 101 minuti (al Medusa MultiCinema con 21 minuti aggiuntivi di pubblicità)

Dopo la divertente Era Glaciale, la mia visione di film in prima visione prosegue con questo storico film (nel senso che tratta una tematica storica!) sulle famose "guerre" studentesche del 68-69. In quel momento gli studenti sognano una vera e propria rivoluzione e ognuno lo fa a modo suo: Libero (interpretato da un sempre bravo Luca Argentero) è uno studente operaio infervoratissimo con le proteste di quel periodo pronto a girare in largo e in lungo tutto lo stivale pur di trasmettere i suoi pensieri e le sue idee. Dall'altra parte troviamo uno Scaraccio, ehm, Scamarcio nei panni di Nicola, un giovine pugliese che fa il poliziotto con il pallino... del teatro! Già, sogna di essere un attore (anche nella realtà?) e questo suo sogno e predisposizione verrà sfruttata dai suoi superiori per assoldarlo come "infiltrato", come spia nei movimenti studenteschi universitari di Roma. Nel bel mezzo non poteva mancare una storia d'amore nata nella rivolta: la donna in questione è Laura, studentessa modello venuta su in una famiglia dove la perfezione è il vero modo d'esistere. Laura farà da anello di congiunzione tra la storia dei due protagonisti (con i quali vivrà due diverse, ma intense storie d'amore) e i suoi fratelli che, inevitabilmente, trascinerà nei moti rivoluzionari e rissosi del periodo. In mezzo ci sarà di tutto: da arresti a nascondigli passando pure da una complicazione familiare assai spiacevole.

Voto: dunque, come faccio in pochi film, sento di dover fare delle distinzioni.

Impressione generale: 7+. il film prende, senza dubbio. Nel contesto, però, non soddisfa più di tanto.
Trama: 8. bellissima l'idea di mescolare la storia del poliziotto a quella del "doppio" amore per finire all'interno della famiglia "perbene" scombussolata profondamente dai moti rivoluzionari del tempo.
Riprese / luci etc etc...: 8,5. Secondo me c'è un lavoro "tecnico" di riprese, slow motion e giochi di luci molto interessanti... anche durante le cariche della polizia sono le immagini a farla da padrone, non la violenza.

ATTORI

Scamarcio: 2. Sempre la stessa impressione, sempre la stessa roba, sempre il solito trombat... ehm, tombeur de femmes!! (se si scrive così!)

Jasmine Trinca (Laura): 7,5. Nel complesso una buona interpretazione del personaggio. è pure bella... potevo pure darle un 7/8!! ;)

Luca Argentero: 8+. Il ragazzo sta decisamente crescendo!! L'abbiamo visto "nascere" nel Grande Fratello come personaggio poco interessante, al contrario della sua vita da attore piuttosto promettente. Certo non diventerà un attore da incorniciare nella storia, ma le sue interpretazioni sono sempre meritevoli.



permalink | inviato da CastenasoForever il 1/10/2009 alle 20:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
cinema
8 settembre 2009
Visto per Voi: L'Era Glaciale 3
L'Era Glaciale 3, l'alba dei dinosauri - di C. Saldanha - animazione - 94 minuti (al cinema di Cà Dei Fabbri)

Figurati se io potevo perdermi al cinema un film del genere!! Dopo essermi innamorato dell'Era Glaciale, aver riso come poco nel secondo episodio, come potevo mancare alla proiezione del terzo? Non ho optato per il 3D anche perchè, lo ammetto, a me i dinosauri hanno sempre un po' impressionato, quindi meglio evitare fauci spalancate fuori dallo schermo!!!!!
Detto ciò, veniamo al film che è, sin dai titoli iniziali, incentrato sulle avventure di Scrat che incontra, inseguendo la sua immancabile ghianda, una "scrattina" molto provocante e, lasciatemelo dire, pure un po' stronzetta!!!! Scrat, come sempre, fa da contorno alla storia dei nostri "eroi" incentrata soprattutto su Sid che, imbranato come pochi, decide di impossessarsi di uova di dinosauro: non certo una buona idea!!!! Quando la "mamma-dinosaura" si renderà conto che Sid è stato il "ladro" delle sue uova, non esiterà a trascinare l'imbranato bradipo nel mondo dei dinosauri: da lì inizierà l'avventura!

Voto: 8,5. Bello, mi è piaciuto ma non so perchè... boh, c'è qualcosa che non mi ha entusiasmato come negli altri film. Probabilmente inizio ad essere "un po' stanco" di quest'era glaciale, mah! Comunque un film da vedere!



permalink | inviato da CastenasoForever il 8/9/2009 alle 20:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
cinema
4 settembre 2009
Visto per Voi: Ponyo Sulla Scogliera
Ponyo sulla Scogliera - di H. Miyazaki - animazione - 101 minuti (al cinema all'aperto di Budrio)

Finalmente son riuscito a vedere l'ultimo di Miyaki, un film direi poco adatto per i bambini, sebbene lo sia di più di tutti i precedenti! La storia è probabilmente la più semplice di tutte: una "pesciolina", Ponyo, che è curiosissima (è donna!) di ciò che sta al di fuori dell'acqua. Di nascosto da suo padre, prende una corrente assieme alle meduse, verso la superficie del mare. Questa corrente la porta nei pressi di una scogliera, dove incontrerà Sasuke, un bimbo di 5 anni che la vuole tenere come "semplice" pesciolino rosso. In realtà questo pesciolino ha decisamente delle proprietà magiche...

Contrario a questa amicizia è il padre di Ponyo (di cui non ricordo il nome!) che farà di tutto per riavere sua figlia a casa, e ce la farà, ma la voglia di Ponyo di tornare da Sasuke è troppo grande e, se serve, per fare ciò è pronta a scatenare ogni forza della natura!

Voto: 8,5. sì, ok, lo ammetto! Sono di parte quando vedo un film di Miyazaki!! Il migliore rimane "La Città Incantata" che, assieme a "Little Miss Sunshine", è tra i miei film preferiti!!
Dopo "La città Incantata" vengono quasi a parimerito i film Ponyo e Il Castello Errante di Howl. Probabilmente meglio il castello errante, ma solo perchè Ponyo ha una voce che tende ad essere all'odioso!! Sta di fatto che i voti di Miyazaki sono:
9 --> La Città Incantata
8/9 --> Il Castello Errante di Howl
8,5 --> Ponyo sulla Scogliera

Il figlio, Goro, rimane lontano dai livelli del padre: i suoi "racconti di Terramare" si fermarono ad un comunque buono 8+.

Insomma, film che mi hanno fatto schifo direi!!!!! Saluti ai miei sparuti lettori! ;)
cinema
22 agosto 2009
Visto per voi: Si Può Fare
Si Può Fare - di G. Manfredonia - "Commedia seria" - 111 minuti (alla rassegna Cinema all'Aperto di Castenaso)

Oh... tra una dimenticanza e l'altra erano SETTE mesi che non parlavo di film sul mio blog! Ma diciamocelo chiaramente: in questo periodo di tesi, esame di stato e lavoro non ho avuto nè tempo di vedere film nè tempo e modo e, soprattutto, voglia di recensirli!!!

Ma veniamo alla première della rassegna del cinema all'Aperto di Castenaso di quest'anno!! Siamo partiti, giovedì scorso, con il film "Si Può Fare" di Giulio Manfredonia con un bravissimo Bisio come protagonista.

Siamo nel pieno degli anni '80 a Milano, con Nello (Bisio) sindacalista che, allontanato per le sue idee troppo moderne per l'epoca, viene mandato in una cooperativa di ex-malati mentali appena dismessi dai manicomi in virtù della legge Basaglia. In questa cooperativa trova vermanete ogni genere di "matto" con incredibili capacità e idee. Tra le idee che scaturiscono durante una riunione, viene fuori quella del parquet. Già, lavorare il legno e formare dei parquet!! Questo è un lavoro che decisamente potrebbe andare bene per questa piccola comunità!

Così, contro ogni parere del "capo-psichiatra", Nello spinge i suoi "soci" ad intraprendere un lavoro! Favoloso il modo in cui Nello suddivide i ruoli tra il variegatissimo cast di questa cooperativa.

Quando gli affari iniziano a funzionare, Nello e i suoi "soci" si liberano del "capo-psichiatra" e dai suoi alti dosaggi di Serenase e decidono di mettirsi in proprio. Gli affari vanno a gonfie vele, la vita torna a sorridere a tutti quanti e tutto va bene. Sembra andare bene...

Voto: 7/8. Un buon sette e mezzo per un film decisamente meritevole di essere visto!! Al termine della proiezione il pubblico di Castenaso ha apprezzato liberando un deciso applauso!

---------

Prossimi appuntamenti con il cinema all'aperto di Castenaso
:

mar 25 agosto: Tutta Colpa di Giuda
gio 27 agosto: Il Giardino di Limoni
mar 1 settembre: La Classe
gio 3 settembre: Gran Torino

tutto alle 21, nel cortile di Casa Bondi!



permalink | inviato da CastenasoForever il 22/8/2009 alle 15:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
cinema
11 febbraio 2009
Visto per Voi: EX
Torna la vecchia "tool" o, meglio, intestazione di CastenasoForever! Presto ne "costruirò" una tutta nuova!

------------

Ex - di Fausto Brizzi - anno 2009 - Commedia - 120 minuti (all'oramai solito cinema di Cà Dei Fabbri)

Una carrellata terrificante (nel senso positivo) di attori investe lo spettatore sin dall'inizio del film. è un film ad "episodi incastrati", ovvero tante storie che, percorrendo strade separate, si incrociano solo mediante i personaggi, senza interferire però le une con le altre. Far venire "involontariamente" a contatto i personaggi tra loro permette, al film, di avere uno svolgimento piuttosto originale.
Tutte le storie girano attorno alla vita da ex da parte di TUTTI i personaggi: EX nel senso di ex-fidanzato/a o ex-marito per diverse ragioni talvolta anche tragiche. Ogni storia, però, ha un fine diverso: c'è chi rimane ex, chi ci ripensa e si re-incontra o chi riparte con una vita nuova. Altri, invece, arrivano a fine film senza farci sapere quale sarà il loro destino. Ci sarà, infine, chi rivaluterà il suo ex, rendendosi conto di aver sbagliato.

Insomma, ce n'è per tutti i gusti con il fine comune che "In due è meglio che soli".

Voto: 7++. Più di un 7+ e meno di un 7,5. Insomma un 7,3, dai! Bel film, per carità, però... troppi attori di grande calibro che non possono, a causa del tempo ridotto per ognuno di loro, sfruttare appieno le loro potenzialità.
Un po' meno di attori "VIP" e il film riusciva molto meglio.

Adatto per chi vuol farsi due risate e qualche riflessione.



permalink | inviato da CastenasoForever il 11/2/2009 alle 20:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
cinema
4 febbraio 2009
Visto per voi: Solo un Padre
Solo un Padre - di Luca Lucini - anno 2008 - Drammatico/Sentimentale - 93 minuti (al cinema di Cà Dei Fabbri)

Ciclo cinema D.O.C. a Cà Dei Fabbri - Carlo, la persona probabilmente più sfortunata del pianeta Terra, è un bravissimo dermatologo con una vita professionale alle stelle, ottimi amici e genitori premurosi... diversa, invece, è la sua vita "familiare": si trova da solo con sua figlia Sofia, in quanto la madre è morta pochi istanti dopo il parto. Carlo riesce sempre sul lavoro a mascherare la scomparsa della moglie, ma appena esce dal suo studio i ricordi si fanno immediatamente vivi e, com'è abbastanza ovvio, ogni cosa ricorda la moglie: non solo i suoi vestiti, ma anche certe situazioni o angoli della sua bellissima casa.
Quando i nonni partono per una vacanza, Carlo si renderà conto che far convivere con la crescita di "fagiolino", il lavoro e i ricordi diventerà cosa assai ardua.

Voto: 7. Se sei di sesso maschile; 8 se di sesso femminile. Molte ragazze e donne troveranno questo film "duro" e assai commovente. Molti uomini diranno "che sfiga che ha luiqua", ma raramente li si vedrà commuovere!! Questo, almeno, è ciò che è successo a Cà dei Fabbri, con diverse sfacettature: si è andato da chi era di zigaglia facile (il quale ha consumato un pacchetto intero di fazzoletti) a chi, invece, ha sbadigliato per tutto il tempo del film.
Il film NON è noioso, ma non aspettatevi una cosa leggera!

Il mio voto è originato da un 8 alla storia, veramente bella e con classico colpo di scena finale, e da un 6 ai due protagonisti: oltre a Luca ex recluso del Grande Fratello, protagonista in un film per la prima volta, si è rivelata deludente anche Diane Ferreri. Diciamo che la scelta dei protagonisti ha rovinato un po' il film. C'erano, anche nel cast stesso, persone ben più meritevoli del ruolo di protagonisti.



permalink | inviato da CastenasoForever il 4/2/2009 alle 15:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
cinema
28 gennaio 2009
Visto per voi: Italians
Italians - di Giovanni Veronesi - anno 2009 - Commedia - 116 minuti (al cinema di Cà Dei Fabbri)

Torniamo al cinema e facciamolo con un altro film tutto Italiano!
Come suggerisce la locandina, il film è diviso in due grandi episodi totalmente indipendenti tra di loro. Il primo riguarda Castellitto, nei panni di un camionista di contrabbando (Fortunato) e del suo collega Scamarcio (Marcello). Il viaggio che seguiamo è l'ultimo che fa, fino a Dubai, Fortunato, facendo conoscere al suo "successore" tutti i segreti del mestiere in quella terra. Un'autentica storia on the road con le classiche avventure, disavventure e un interessante colpo di scena nel finale.
La seconda storia vede come unico grande ed immenso protagonista (si vede che mi piace?) Carlo Verdone, nei panni di Giulio, un luminare dentista tanto forte nel lavoro quanto sfigato nella famiglia. L'occasione di un convegno nella sempre bella San Pietroburgo è, grazie al suo collega "affamato" Fausto, anche un occasione per tornare un po' più a contatto con l'altro sesso!!
A differenza del primo episodio, si ride di più, e c'è un po' più di avventura.

Voto: 7/8. Volendo dividere, diamo un bel 7,5 al primo episodio: fatto bene, montato bene e con un bel finale, nel senso che non è scontato!! Il secondo episodio, invece, prende un 8+ anche grazie ad un Verdone che non si smentisce MAI!!

Per le fan di Scamarcio... il solito: stessa espressione, obbligato a fare il classico "ragazzaccio" a metà tra il trasgressivo e lo sfigato e la solita trombata (finess!!) di ogni film!

Se vi piacciono i film made in italy e se vi piace Verdone andate a vederlo, altrimenti... non consideratelo una priorità, ma nemmeno una scelta da scartare!!!



permalink | inviato da CastenasoForever il 28/1/2009 alle 22:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa
cinema
5 gennaio 2009
Visto per voi: Natale a Rio
Natale a Rio - di Neri Parenti - anno 2008 - commedia - 113 minuti (al Medusa multiCinema)

E con questo mi son fatto tutti quanti i "cinepanettoni" possibili e immaginabili! Con le compagnie possibili ed immaginabili: fidanzata, amica e famiglia! Con la girl ho visto Madagascar 2, indubbiamente il migliore tra i tre, con la HappyGiò ho visto Aldo, Giovanni e Giacomo, mentre con mia mamma e mia nonna il cinepanettone per eccellenza!!
Natale a Rio segue le orme dei film cresciuti nettamente di livello da quando De Sica ha abbandonato (finalmente) Boldi. Quest'anno hanno deciso di sfrondare molto "il reparto gnocca" e, questo, lo si capisce anche dalla locandina qui a fianco del film! La storia è stata presa più da un punto di vista maschile: abbiamo De Sica e Ghini, entrambi divorziati, hanno organizzato una vacanza all'insegna del lusso e... delle belle donne! I loro figli, interpretati da Fremont e Propizio, puntano ad una vacanza più o meno dagli stessi scopi dei loro padri, a Rio... ma, per ottenere l'approvazione dei loro padri, riescono ad inscenare una partenza per Madrid. Ovvissimo dire che i 4, prima o poi, si incontreranno!!

Parallalelamente alla "doppia" storia di padri e figli, si sviluppa l'amore presunto tra la Hunzicker e Contincini e l'amore sperato di un favoloso De Luigi verso la medesima protagonista! Complice anche il caso, De Luigi si troverà in una serie di divertentissime situazioni più o meno imbarazzanti quando verrà chiamato a "fingere" di fare il fidanzato, ma visto l'amore che ha per lei, Fabio non farà molta fatica a "fingere"!!

Voto: 7/8. Mi ripeto: da quando non c'è più Boldi, questi film sono diventati ASSAI MENO volgari e MOLTO PIU' divertenti. Si ride, spesso di gusto, e le due ore passano quasi senza accorgersene. Le tre storie vengono mescolate assai bene, quasi egregiamente, e nessuna ruba la scena alle altre. Ottimo montaggio, veramente!!
Bravi, infine, tutti gli attori molto spigliati e naturali!

Vi chiederete come mai solo 7/8 dopo un commento così... beh, francamente di più non può meritare!



permalink | inviato da CastenasoForever il 5/1/2009 alle 22:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre       

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte



Pro Sport Migliori in TV



Cost of the War in Iraq
(JavaScript Error)

Biu Biu Network su Spreaker


LE ULTIME FOTO DI CASTENASOFOREVER SU FLICKR!!!!
Guarda le mie ultime 200 foto su FLICKR!
Se volete anche le più vecchie cliccate qui e scorrete verso le ultime pagine per vedere foto più "antiquate"!!
PER FOTO ANCOR PIU' VECCHIE CLICCA QUI!!

CASTENASO METEO 24

IL TEMPO ORA:
Ecco Live (o quasi) quello che sta combinando il cielo sopra casa mia!! Sia secondo WeatherPixie che secondo Wonderground (con ore del sole e della luna)

The WeatherPixie

Click for Bologna, Italy Forecast

COME RAGGIUNGERE CASTENASO!!!
Per chi volesse fare un viaggio a Castenaso (non saprei a qual pro!!) i modi per raggiungerci sono facilissimi!
IN AUTO
Dalla A1, A13 e A14 uscite a Bologna San Lazzaro. Imboccate la tangenziale e uscite per la Statale 253 per Ravenna. Da lì seguite le indicazioni e arriverete facilmente alla città delle persone in meno di 10 Km.!
IN TRENO
Scendete alla stazione di Bologna Centrale. Da lì andate nell'edicola interna alla stazione e chiedete un biglietto per Castenaso (costo 1,6 euro). Se l'edicola è chiusa potrete fare il biglietto anche sul treno al prezzo, però, di 3 euro! Dirigetevi, quindi, al binario 4 est e prendete il treno della FER. Orari QUI.
IN AUTOBUS
Da Via dei Mille, a Bologna, prendete il bus 99 (direzione Castenaso - Medicina - Castel Guelfo - Massa Lombarda - Lugo). Costo biglietto 1,6 euro. Non si compra a bordo!! Il 99 c'è ogni mezz'ora (ai 00 e ai 30) dalle 6 alle 20.30. Ogni ora (ai 30) alla domenica e festivi e sabato orari non di punta.
IN AEREO
L'aeroporto più vicino è quello di Bologna!! Da lì prendete il BLQ e scendete in Stazione. Da lì scegliete se arrivare in Treno o in Autobus (Via dei Mille è lì vicino...)
IN NAVE
Purtroppo l'Idice non è navigabile. Questa soluzione è da scartarsi.


Berluscounter!


Blogarama - The Blog Directory

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Feed XML offerto da BlogItalia.it

Blogwise - blog directory

Blog Directory, Find A Blog, Submit A Blog, Search For The Best Blogs

Il meta-blog delle sinistre

Image Hosted by ImageShack.us

dammi il tiro

US TERROR ALERT
Segui il livello del Terrore americano!!
Visto che è una cosa ridicola... seguila con dei "semafori" ridicoli!

MUPPETS

Terror Alert Level

SIMPSONS

Terror Alert Level
Technorati Profile
Who links to my website?