Blog: http://CastenasoForever.ilcannocchiale.it

Facciamo due conti tutti insieme!!

Stavo leggendo un po' delle notizie sull'Unicredit... e, quando vedo certe cifre, mi viene spontaneo fare un confronto con le cifre che, fino ad inizio settembre, prendevo lavorando full-time in farmacia. Sì, ora sono in attesa di nuove proposte e sto iniziando ad entrare nella fase spedizione quasi folle di CV!!

Dunque, partiamo dal primo dato: Profumo percepiva circa 4 milioni di euro all'anno ad Unicredit. 4 milioni di euro in un anno!! Considerando che è stato a capo di Unicredit per 13 anni fa un discreto totale! 4 x 13 = 52 milioni. Ma, tornando al profitto annuo, sapete quanti sono 4 milioni!!?? Da farmacista del territorio che sono (mi piace ancora usare il presente!!) dovrei lavorare per circa 182 anni per arrivare a mettere in banca (senza spendere un soldo ovviamente!) 4 milioni! Ripetiamo: 182 anni per guadagnare quanto prendeva Profumo in un anno!! Terrificante!

---------

Ma spostiamoci su un altro dato. Vabbè, qui voglio esagerare nel farmi del male!! Parliamo del "TFR", ovvero del Trattamento di Fine Rapporto o, come la chiamano i media, la "buonuscita". Comunque la si voglia chiamare, Unicredit verserà nelle tasche di Profumo sonori 40 MILIONI di euro come fine rapporto. Bene, quanto tempo impiegherebbe il sottoscritto a far su 40 milioni di euro? Calcolatrice alla mano e i tempi si dilatano: 1820 anni. Beh, qui c'era poco da calcolare! MILLE OTTOCENTO VENTI ANNI / 00 come si scriverebbe sugli assegni! 1820 anni, beh... come dire il tempo che separa la nascita di Gesù Cristo dal Risorgimento Italiano o dalla costruzione della Statua della Libertà.

Io, devo dire, fossi in Profumo non mi farei tante paturnie e mi godrei i miei bei soldini... che poi, a dirla tutta, non saprei neanche come gestire una cifra così mastodontica!

Ma i problemi inizierebbero a risolversi se uno quesi soldi li avesse veramente a disposizione!!

Pubblicato il 22/9/2010 alle 23.19 nella rubrica CNN - Castenaso news network.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web