Blog: http://CastenasoForever.ilcannocchiale.it

Quando esce la natura "predatoria" ancestrale

Un bel titolo per non dire nulla!! :D no, scherzo! qualcosa ho da dire. 


Domenica scorsa sono andato, con due miei cari amici, alla Fiera di Ferrara a vedere Liberamente (fiera della vita all'aria aperta). Abbiamo visto una cozzaglia paurosa di cose senza un senso di base, diciamo più una fiera campionaria che altro! Si andava dagli amanti nonchè possessori del pollice verde con una distesa di pianti, sementi e attrezzature per giardino, ai sognatori di Camper con automezzi che assomigliavano più ad autotreni che altro, fino ad un angolo dedicato all'anteprima di quel che sarà il "salone delle sagre" che si terrà sotto il week end del 25 aprile prossimo.
Qui vediamo un improvviso aumento di presenze umane per cm quadrato di spazio calpestabile (ruschi compresi). Cosa c'è? Semplice!! una fila di stand delle varie sagre dell'"alto bolognese", del "basso veneto" e del ferrarese dove vengono esposti tra i più disparati assaggini. Qui si vede venir fuori una sorte di ancestrale indole di umano-cacciatore! E si vede anche venir fuori la mitica "legge del più forte" e, ahimè, del più furbo. Le scene erano al limite del tragi-comico con persone che facevano a gomitate per un cazzo di tortello alla zucca, o odiose cinne che solo per il fatto di esser piccole, prendevano 6 porzioni di assaggi di tortellini in brodo portando al limite la propria capacità di trasporto di oggetti sulle loro mani. Poi c'è chi ha trovato una particolare pazienza per fare non una, ma più file per poter gustare UN gambero "con la sciarpa", ovvero avvolto dalla pancetta. 
Si sono verificate, inoltre, scene simili alla lotta greco-romana innanzi allo stand dell'arrosticino, oppure file simili alla Salerno Reggio Calabria per una trentina di grammi scarsi di polenta... tutto ciò con nello sfondo dei bicchieri pieni di pop corn che, poverini, non venivano considerati da nessuno!

Pubblicato il 5/3/2014 alle 13.35 nella rubrica Castenaso News.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web